Morso crociato: cos’è e come correggerlo

Come si ottiene un’occlusione stabile, funzionale ed armonica nel bambino? Vigilando sull’armonico sviluppo dei mascellari durante le prime fasi della dentizione, quando il bambino ha solo i denti da latte.

Spesso però i mascellari non seguono la strada maestra ed è facile che in alcuni bambini si manifesti il cosiddetto morso crociato. Si tratta di una malocclusione causata dalla eccessiva contrazione del mascellare superiore, che porta la mandibola a scivolare lateralmente. Questo causa dapprima uno spostamento del centro dei denti superiori rispetto al centro di quelli inferiori, che può tramutarsi in breve tempo in un’alterazione della crescita della mandibola. Se non corretta per tempo, l’asimmetria aumenta anno dopo anno, fino a richiedere un intervento chirurgico per la sua correzione. 

Per dirlo in modo facile, mascellare e mandibola si comportano come i due elementi di una scatola, in cui il coperchio è diventato troppo piccolo per chiudere perfettamente il contenitore. In occlusione, nel morso crociato laterale, alcuni denti superiori chiudono addirittura all’interno dei rispettivi denti inferiori.

Come in tutti i problemi ortodontici, anche nel caso del morso crociato, non siamo di fronte ad una mera questione estetica. Il morso crociato può influire negativamente su molte altre funzioni fondamentali, tra cui: 

  • La respirazione, poiché il mascellare costituisce la volta del palato e contemporaneamente il pavimento delle narici. Per questa ragione, in presenza di un palato così contratto da determinare un morso crociato, il paziente deve essere trattato sia a livello ortodontico che a livello otorinolaringoiatrico.
  • La fonazione e la deglutizione, poiché un mascellare contratto non permette una funzione linguale corretta.

Per tutte queste ragioni, diagnosticato un morso crociato in un soggetto in crescita, si cerca di intervenire il prima possibile, già a partire dai 4-5 anni. Come in tutte le cose, prima si comincia, prima si finisce, tanto più che la correzione precoce garantisce una terapia più rapida ed economicamente meno impegnativa, e soprattutto un risultato migliore. A parità di problema, infatti, risponderà meglio un paziente trattato precocemente, poiché la sua mandibola avrà avuto meno tempo per crescere asimmetricamente e le funzioni respiratorie, deglutitorie e fonatorie meno tempo per cronicizzarsi.

La correzione del morso crociato rientra tra le raccomandazioni delle linee guida per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva del Ministero della salute e delle politiche sociali.  

Raccomandazione 3: “I bambini con respirazione prevalentemente orale e mascellare superiore contratto traggono beneficio da espansione ortopedica del mascellare.”